domenica 25 febbraio 2007

Turigliatto and C. ? No, Rugby!

Questa è una delle immagini della partita di rugby di ieri pomeriggio al torneo delle 6 Nazioni con la vittoria storica dell'Italia al "Murrayfield" di Edimburgo dove gli azzurri hanno sconfitto i padroni di casa 37-17.
Finalmente una bella notizia!
Qualcuno finalmente riesce anche a vincere, con garbo e correttezza, senza pestaggi e senza botte, liti , fumogeni, parolacce, cori razzisti ecc ecc....
Nelle pagine dello sport di oggi invece si parla come al solito quasi solo di calcio e soprattutto delle 5 sconfitte del Toro con tutti i suoi perchè e per come e via di seguito. Una barba!
Nelle pagine di poltica dei quotidiani o nei posts dei blog invece si parla di Prodi, dei 12 comandamenti x non far cadere il governo, di Turigliatto , De Gregorio. Follini, e compagnia varia e si bisticcia a più non posso tra destri e sinistri, tra sinistri moderati e sinistri di estrema sinistra, tra ammiratori e detrattori dell'uno o dell'altro o dell'altro ancora ...
Ma è proprio necessario bisticciare sempre, essere aggressivi, offensivi, sarcastici o peggio x esprimere il proprio parere ?
Non so se Turigliatto ha fatto bene o male, non so se De Gregorio è peggiore di Turigliatto, non so è onesto o non è onesto promettere mari e monti ai propri elettori e poi fregarsene di loro e con estrema ipocrisia fare tutt'altro rispetto a quello che si era detto di voler fare, non so come andrà a finire xchè non sono una veggente, x fortuna, ma se continuiamo così, con queste liti e queste lotte da pollaio, non finiremo di sicuro granch'è bene, di certo ...
Perchè invece di fare tutti quanti i pavoni che allargano la ruota e si mettono in mostra, xchè invece di essere esibizionisti ed egocentrici al massimo, sempre al centro della scena, e l'uno contro l'altro armato, i politici non si rimboccano ben bene le mancihe, tutti quanti insieme, maggioranza e minoranza, e non cominciano a pensare seriamente al bene del paese e dei suoi cittadini ?
A noi tutti insomma che ne abbiamo piene le tasche di subire le bizze e le crisi infantili di questi signori istrionici e attaccabrighe, o come è di moda dire, voltagabbana, che, come diciamo noi in dialetto locale, un giorno sono su un melo e un giorno sono su un pero...
A noi che da bravi "pantalon" dobbiamo essere sempre quelli che pagano e mai nulla in cambio ricevono...
Sono tanti gli anziani con redditi da fame che faticano ad arrivare alla fine del mese, sono tanti gli anziani ammalati che hanno scarsa assistenza xchè mancano le strutture apposite, sono tanti gli ammalati che si devono curare spesso con i propri soldi, sono tanti i problemi che coinvolgono i giovani, a partire dal lavoro che manca o è precario, ma nessuno si preoccupa di risolverli...
E allora ? e allora creiamo uno stato socialmente forte, uno stato sicuro che pensi prima di tutto ai suoi cittadini, che tolga veramente la burocrazia , il clientelarismo, le opere faraoniche e le spese eccessive ed inutili, la violenza e la paura di non essere protetti , la paura di un futuro incerto e l'insicurezza x cupi tempi bui a venire ...
Uno stato che faccia delle leggi solide e sicure, che aiutino e permettano di vivere meglio, di vivere in libertà ed in democrazia, di vivere scegliendo come meglio vivere, senza dover sottostare ai dictat di un capo religioso sempre più integralista, di un capo di stato straniero, guerrafondaio, di un partito o di un leader, o di partiti o di leaders, politici, che parlano bene, ma razzolano male, a destra e a sinistra, senza distinzioni e senza colori vari !!!
Uno stato ed una classe politica seria e responsabile che impari a governare x il popolo o x la piazza, se preferite...non un branco di pagliacci da circo che fanno gli equilibristi con le parole, e basta
eh sì , basta. Perchè ne abbiamo proprio BASTA ....

6 commenti:

giulia ha detto...

E' bello quello che scrivi. Basta con questa politica litigiosa e che non pensa veramente ai problemi della gente. E deve cominciare da noi un dialogo sui fatti, sulle iniziative da prendere, un dialogo costruttivo tra cittadini che non si insulatno ma si confrontano sui problemi. Sul mio blog per la prima volta è intervenuto uno di destra in modo civile e questo mi ha fatto piacere. Mi è piaciuto abbastanza l'interbvento della Spinelli sulla Stampa: l'hai letto? cosa ne pensi? Ciao a presto Giulia

ericablogger ha detto...

leggo sempre la Spinelli xchè mi piace cosa dice e come lo dice
e anche nella sua ultima opinione ha ragione
è tutta la classe dirigente politica, sociale ,economica, intellettuale, giornalisti compresi che deve fare un esame di coscienza
e siamo noi tutti insieme che dobbiamo prendere coscienza della morale e di ritrovare una coscienza morale etica e civile che ci porti fuori da questa malattia e dal disordine
ciao Giulia e grazie di essere passata

giulia ha detto...

Cara Erica, andiamo avanti a confrontarci perchè è una cosa molto bella. Grazie perchè tu passi sempre, ma è come andare da una casa ad un'altra, case amiche e in diretta comunicazione Un abbraccio Giulia

Fabio ha detto...

Alla fine paghiamo sempre noi: io sapevo che a marzo il governo avrebbe preso in considerazione i problemi relativi alla legge 30/2003 e al precariato, ma ora chissà quanto ci sarà da aspettare...ammesso che il problema venga davvero affrontato. Ciao, Fabio.

Anonimo ha detto...

Cara Erica,
L'Italia e la Francia, due sorelle che patiscono degli stessi mali ! e quel che tu dici a proposito dei politici italiani è valido per i nostri politici francesi.
Ma dire basta non basta forse ! Ci vuole un impegno personale e questa diventa un'altra affare, peche la gente aspetta tutto dei politic, ma non è pronta a impegnarsi per fare cambiare le cose .
Una volta abbiamo tentato di fare cambiare le cose per il nostro impegno sindacale o politico, ma abbiamo fallito (chissa perchè !) e i giovani,(ora che siamo pensionati), non vogliono imitarci ...
allora ? c'è una parola franceses molto pessimista o ... ottimista (cesondo !) che dice "abbiamo i politici che meritiamo !"
Allora, coraggio a noi due ... e agli altri che pensano come noi !
Amichevolmente
Jacques

ericablogger ha detto...

hai proprio ragione Jacques, i giovani spesso non fanno nulla
io non sono ancora pensionata ma ogni tanto mi arrabbio o mi dispero, a seconda dei momenti, xchè non vedo un bel futuro davanti a noi
un saluto bien amicalement erica