mercoledì 12 marzo 2008

Spreco

" ... si è calcolato che una famiglia media italiana si disfa, annualmente, di 561 euro, pari al 10 per cento della spesa alimentare totale effettuata. E’ un’indagine dell’Adoc, l'Associazione nazionale per la difesa e l’orientamento dei consumatori, a darci la patente di spreconi.
... a finire nella spazzatura sono soprattutto prodotti freschi: latte, uova, carne, preparati di gastronomia, mozzarella, stracchino e yogurt (39%); pane (19%); frutta e verdura (17%); affettati (10%); prodotti in busta come le insalate (6%); pasta (4%); scatolame (3%); surgelati (2%).
Il 10% degli acquisti non viene consumato
Ogni anno 4 miliardi di euro in fumo"
L'articolo da cui ho tratto questi paragrafi parlava di sprechi, dovuti molto spesso alle nostre cattive abitudini, rimaste fin dai tempi in cui non si pagava in euro ma in lire e ancora non c'erano state le speculazioni legate alla nuova moneta europea, e all'attrazione fatale,alimentata anche dalle strategie di vendita delle industrie e dei vari esercizi commerciali per rendere più abbordabile e allettante la merce, per le offerte promozionali, tipo prendi tre e paghi due, dove si riempie il carrello senza chiedersi se quel prodotto effettivamente serve ma con l’illusione di risparmiare, portando così a casa quantità di cibi ed altri prodotti ben superiori al necessario.
Io in genere acquisto solo ciò che mi serve; vado a fare la spesa con il biglietto preparato a casa, da me o da mia mamma, e lo seguo fedelmente
A volte mi limito a prendere qualche prodotto in più perchè mi rendo conto che mi serve e mi ero scordata di infilarlo nella lista, ma non amo granch'è né certe promozioni né gli eccessi del carrello pieno ad ogni costo
Vado a fare la spesa quando ho bisogno e mi porto i soldi contanti praticamente contati
In questo modo non ho tentazioni superflue e non spreco eccessivamente
In casa siamo in due e non prepariamo mai più di quello che mangiamo; se restano dei cibi cotti, ricicliamo !
Domenica x esempio è rimasto lo spezzatino preparato con la polenta e lunedì, giorno in cui torno tardi, ho trovato a pranzo delle buonissime polpettine preparate da mia mamma con la carne avanzata ed i capperi macinati assieme
Io penso spesso ai bambini ed alle popolazioni dei paesi poveri, che muoiono di fame, quando in mensa vedo sprecare dagli alunni pane e cibi che sono buoni, ma che loro buttano perchè si sono riempiti troppo i piatti o perchè sono abituati a mangiare in modo poco sano a casa
Ben 852 milioni di individui nel mondo sono sottoalimentati e 150 milioni di loro potrebbero essere sfamate con quanto la parte ricca del pianeta getta nell’immondizia.
Cosa si può fare per limitare gli sprechi ed i rifiuti esagerati che ne sono la naturale conseguenza?
Un buon progetto risparmio, a partire dalla famiglia, dove i genitori dovrebbero, con i loro figli,ad imparare insieme a utilizzare meglio il denaro
E voi? siete spreconi o risparmiatori al supermercato negli acquisti ???

5 commenti:

Franca ha detto...

I nostri sprechi sono uno schiaffo alla tanta fame che c'è nel mondo.
Io sono una risparmiatrice incallita per principio...

Artemisia ha detto...

Anch'io detesto gli sprechi, soprattutto alimentari. La mia e' una corsa a consumare i prodotti prima della scadenza. Spesso mi sento una spazzina perche' la mia cena e' basata su quello che va consumato perche' non si sciupi piuttosto che su quello che mi va di mangiare.
Per limitare questo cerco di comprare lo stretto necessario.
Le offerte poi non le guardo nemmeno perche' la mia spesa e' talmente condizionata dai criteri del consumo critico che non ce la faccio a considerare anche il fattore prezzo!

marina ha detto...

A me è stato insegnato a non fare sprechi, perché allora si usciva dalla guerra.
L'unico mio spreco consiste nel fatto che ho sempre in casa yogurth e succhi di frutta per il mio nipotino. però poi lui non viene e mi scadono

io non butto neanche il pane che avanza, lo faccio seccare e poi ci faccio il pane grattato.
ho un altro spreco da confessare: le zucchine lesse mi piacciono solo ancora calde e se avanzano fredde e mollicce non riesco a mangiarle.
mio marito è sprecone, gli avanzi li finisco tutti io
ciao marina

LauraD ha detto...

Ciao Erica, sono il tipo che non spreca e compro solo quello che serve e poi riciclo e da noi non si avanza nulla e se si avanza viene mangiato la volta successiva. Mio marito è come me non gli piace buttare la roba.Se sono alimenti deteriorabili in fretta le confezioni risparmio o 3x2 non le compro perchè siamo in due e che ci faccio di tanta roba. Purtroppo siamo in cima alla lista in quanto a rifiuti e mi da fastidio questa cosa quando ci vuole così poco!

Roberta ha detto...

Carissima Erica,
qui negli USA c'e' un nuovo movimento chiamato "freegan". in pratica la gente si riunisce la notte davanti al cassonetto dei supermercati, rovista nei cassonetti e si porta a casa quel cibo che e' stato buttato, ma che e' ancora perfettamente imballato, e non ancora scaduto. Ho visto un reportage su questo, e sai quante cose hanno trovato? In piu' i freegan non sono i barboni, ma sono persone che hanno un lavoro regolare, con uno stipendio medio-alto (moltissimi laureati)che si ribellano contro gli sprechi.
Io tendo molto a comprare lo tsretto necessario, mentre mio marito e' schiavo del "prendi due, paghi uno"!