mercoledì 25 luglio 2007

Addio, Maù...

Maù era arrivato alla fine di dicembre del 2001 in pessime condizioni, aveva la bocca massacrata e i dentini rotti. Era già un po' anzianotto e ci sono voluti alcuni mesi di zuppe con il pane e la carne tagliata a pezzettini x aiutarlo a riprendere a mangiare e a guarire. Anche le mie 3 gattacce nere si sono a poco a poco abituate a lui, alla sua fame perenne, ai suoi eterni mauuuuu ogni volta che ci vedeva, mia mamma ed io, alla sua non abitudine di lavarsi, una vera stranezza per loro gatte nere superpulitissime, con il pelo splendido e lucido come pellicce preziose...
Due settimane fa, Maù, che non usciva mai, è scomparso.
Per quattro giorni.
Poi sabato nel tardo pomeriggio mia mamma lo ha ritrovato nel giardino piccolo davanti a casa.
Sono andata subito a vedere perchè era ridotto malissimo, non stava più in piedi, aveva due brutte ferite ( i segni profondi di un laccio ??? ) ai lati del muso e miagolava piano piano ...
Gli ho messo dell'acqua in una delle sue ciotole ma non si è mosso. L' ho lascito lì, sotto la pianta delle forsizie, vicino all'elleboro, al fresco. Avrei chiesto alla veterinaria di passare a vederlo appena possibile, il giorno dopo o il lunedì.
Ma il mattino dopo se n'era andato. Non so come abbia fatto a muoversi in quello stato ma il mio vicino di casa lo ha ritrovato morto nella curva in fondo alla strada martedì ...
Ora sono rimaste sole, Killer Teddy e Saetta, xchè Quinto, l'altro randagio viene sempre meno, e le controllo molto di più perchè loro escono spesso e non vorrei proprio che anche loro mi tornassero con quelle due terribili e profonde lesioni ai due lati del musetto nero.
Amare gli animali è una passione profonda, amare i gatti è un piacere infinito
Far loro del male x il gusto sadico di vederli morire è un abominio, senza speranza x l'idiozia di certi umani scellerati.
Addio Maù vecchio gattone randagio bianco e nero
Grazie x la tua compagnia nella speranza che lassù, nei verdi prati dei cieli gattiferi, tu possa ritrovare la pace la sicurezza e l'amore che ti avevamo dato noi !

8 commenti:

Anna ha detto...

Erica,
mi dispiace per Maù....mi fa male leggere queste cose!
Ti chiedo scusa per essere stata impulsiva nel commento del precedente post, ma, purtroppo, è nella mia natura!
Prometto che non raccoglierò più provocazioni nel tuo blog...nel mio non so, ma mi impegnerò.....:))

Doxaliber ha detto...

Mi dispiace tantissimo per Maù, comunque gli hai donato un po' di vita in più, e questo è bello.

Un caro saluto,
Salvatore

Artemisia ha detto...

Povero Mau'!
Come si fa a far del male ad un animale?!

Fabio ha detto...

Mi dispiace veramente tanto. I mici sono animali simpatici: a volte un tantino pasticcioni ma sempre capaci di tener compagnia anche con la loro silenziosa presenza. E' veramente triste, oltre che riprovevole, che si possa far del male a queste creature. Un caro saluto, Fabio

ernesta ha detto...

Ciao Erica ti ho già detto in privato cosa penso e cosa farei a certe persone GRRRR!!!
Per quanto riguarda il tuo Maù sicuramente è qui:

Il Ponte dell'Arcobaleno

C'e' un posto in Paradiso, chiamato "Ponte dell'Arcobaleno".

Quando muore una bestiola che è stata particolarmente cara a qualcuno, questa bestiola va al ponte dell'arcobaleno.
Ci sono prati e colline per tutti i nostri amici tanto speciali così che possano correre e giocare insieme.
C'è tanto cibo, acqua e sole, ed essi sono al caldo e stanno bene.

Quelli che erano vecchi e malati sono ora forti e vigorosi. Quelli che erano feriti o storpi sono di nuovo integri e forti, come noi li ricordiamo nel sogno dei giorni e dei tempi passati.
Sono felici e contenti, tranne che per una piccola cosa: ognuno di loro sente la mancanza di qualcuno molto amato, qualcuno che hanno dovuto lasciare indietro...

Corrono e giocano insieme, ma un bel giorno uno di essi improvvisamente si ferma e guarda lontano, verso l'orizzonte. I suoi occhi lucidi sono attenti, trema per l'impazienza: tutto ad un tratto si stacca dal gruppo e comincia a correre, volando sul verde prato, sempre più veloce.

Ti ha riconosciuto, e quando finalmente sarete insieme, vi stringerete in un abbraccio pieno di gioia, per non lasciarvi più. Una pioggia di baci felici bagnerà il tuo viso; le tue mani accarezzeranno di nuovo l'amata testolina e fisserai ancora una volta i suoi fiduciosi occhietti, per tanto tempo lontano dalla tua vita ma mai assente dal tuo cuore.

Allora attraverserete,insieme , il Ponte dell'Arcobaleno.......
(Autore Ignoto)

Lui è lì, insieme ai miei e so che quando arriverò mi correranno incontro e non sarò sola.

Un abbraccio, ernesta

Anonimo ha detto...

Ciao Erica, ho pazientato un bel po' di giorni, ma kataweb non mi ritrova il mio blog, sto facendo un giro tra i bloggamici, sperando che facciate tutti un pubbligo appello. Mi risulta che molto blog siano evaporati...!!!
Baciabbracci, duccio (Duccio Blog)

BLOG NEWS ha detto...

Questo post ti fà onore ciao e buon fine setimana

OrtaBlog ha detto...

Io sono per natura sempre pronto a cercare di capire e trovare giustificazioni ai comportamenti di tutti. Quando però si maltrattano gli animali di giustificazioni proprio non ce ne sono, queste persone vanno punite duramente e senza sconti.