martedì 9 dicembre 2008

Nessuno può toglierti i tuoi Diritti

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è un documento, firmato a Parigi il 10 dicembre 1948, la cui redazione fu promossa dalle Nazioni Unite perché avesse applicazione in tutti gli stati membri.
Ecco un breve riassunto dei 30 articoli che compone la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Siamo tutti liberi ed uguali
Non discriminare
Diritto alla vita
Nessuna schiavitù
Nessuna tortura
Hai i tuoi diritti ovunque tu vada
Siamo tutti uguali di fronte alla legge
Tutti i tuoi diritti sono protetti dalla legge
Nessuna detenzione ingiusta
Diritto al giudizio
Innocente finché dimostrato
Diritto alla privacy
Diritto di libertà di movimento
Diritto di asilo
Diritto alla nazionalità
Diritto di matrimonio e famiglia
Diritto di proprietà
Libertà di pensiero
Libertà di espressione
Diritto di pubblica assemblea
Diritto alla democrazia
Sicurezza sociale
Diritti dei lavoratori
Diritto di giocare
Un letto e cibo per tutti
Diritto all'istruzione
Diritti d'autore
Un mondo libero e giusto
Responsabilità
Nessuno può toglierti i tuoi diritti

Articolo 25
Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all'alimentazione, al vestiario, all'abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari; ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o in altro caso di perdita di mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà.
La maternità e l'infanzia hanno diritto a speciali cure ed assistenza. Tutti i bambini, nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della stessa protezione sociale.

Articolo 26
Ogni individuo ha diritto all'istruzione. L'istruzione deve essere gratuita almeno per quanto riguarda le classi elementari e fondamentali. L'istruzione elementare deve essere obbligatoria. L'istruzione tecnica e professionale deve essere messa alla portata di tutti e l'istruzione superiore deve essere egualmente accessibile a tutti sulla base del merito.
L'istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l'amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e religiosi, e deve favorire l'opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace.
I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli.

Articolo 30
Nulla nella presente Dichiarazione può essere interpretato nel senso di implicare un diritto di un qualsiasi Stato, gruppo o persona di esercitare un'attività o di compiere un atto mirante alla distruzione di alcuno dei diritti e delle libertà in essa enunciati.
Domani saranno passati 60 anni ma quali progressi ha fatto l'umanità e quali diritti sono stati applicati el mondo intero???
Per non dimenticare quei 30 importantissimi articoli , per non dimenticare i diritti umani di tutta l'umanità ...

6 commenti:

angelo ha detto...

prego per la collaborazione

Squilibrato ha detto...

Nessun progresso quello dell'umanità. Poco e niente.

marina ha detto...

Sono Off Topic ma sono ansiosa: mi hai perdonato il mio errore di net-etichetta?
marina

duccio ha detto...

;-) duccio

BC. Bruno Carioli ha detto...

Una dichiarazione di una modernità sconcertante per quanto inapplicata.

marbe ha detto...

Ciao Erica
se solo venisse applicata... anche solo il 50% saremmo una civiltà evoluta :((
un abbraccio, ernesta