martedì 23 dicembre 2008

La Riforma Gelmini è arrivata !!!

Questo è il post n. 450 . Un bel numero per un argomento importante. Importante perchè alla fine è stata approvata la Riforma Gelmini e ci è arrivata proprio il giorno prima delle vacanze di Natale
Un gran bel regalo !!!
Ecco cosa potete trovare nella pagina del sito Istruzione.it/Miur
La scuola cambia
Roma, 18 dicembre 2008
Oggi il Consiglio dei Ministri ha approvato i decreti per la riorganizzazione delle scuole per l’infanzia, elementari, medie e superiori.

Per la prima volta in Italia dopo la Riforma Gentile del 1923, si mette mano alla scuola con una riforma organica di tutti i cicli (elementari, medie, superiori).
Elementari e medie cambiano dal 1° settembre 2009, le superiori dal 1° settembre 2010.

La riforma porta a sistema le migliori sperimentazioni attuate negli anni e lo fa in una visione di insieme e non con interventi su parti singole scollegate dal resto, come spesso accaduto in passato.

I principi che ispirano la riforma sono: più chiarezza e opportunità per le famiglie, più efficienza, semplificazione e snellimento dell’organizzazione e delle procedure, valorizzazione del ruolo dei docenti.
Quali scuole cambiano Dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori.
Seguono Le principali novità e gli Allegati da leggere con estrema attenzione perchè nulla è cambiato.
In particolare sono inquietanti per me che insegno alla scuola media quelle parti in cui si parla di classi e di numero minimo e massimo di alunni per ogni classe, - ogni classe dovrà avere 20 alunni e per ora si potrà averne un massimo di 28, ma in futuro potrebbero anche essere 30!, e quindi si potranno accorpare tutte le classi attuali con alunni inferiori ai 20-, di classi di montagna dove se non ci sono almeno 10 alunni si possono mettere insieme le classi di età differente, per esempio la prima con la seconda ecc
Tutte scelte che ridurranno notevolmente il numero di noi insegnanti di ruolo in organico e quindi l'incubo di dover perdere il posto attuale nella scuola di titolarità senza sapere dove finiremo a lavorare a settembre
Se fino ad ora ci si doveva preoccupare solo di mantenere il posto nelle stesse classi e negli stessi corsi per il principio della continuità didattica, ebbene ora ci si deve proprio preoccupare di mantenere un posto di lavoro !
Fino a 65 anni, visto che è stata ipotizzata questa novità dal ministro Brunetta, la scorsa settimana, a Stresa ...
Per i precari non di ruolo sarà ancora peggio naturalmente; non avranno nessuna certezza di lavoro e nella riforma nessuno si è preoccupato di inserire nulla per loro
Grazie a questa riforma , passeremo tutti un Felice Natale nell'ansia pregressa che da settembre noi insegnanti ci ritroveremo disoccupati, o per usare un eufemismo, in mobilitazione...
Quella che ti lascia a casa con le pezze al ... sedere, senza stipendio e senza altra possibilità di lavoro, se non quella di andare a fare il barbone e di chiedere la questua davanti al supermercato più frequentato della città
Una speranza ottimista e molto positiva !!!!
Con i migliori auguri per un coloratissimo 2009 erica

3 commenti:

marina ha detto...

lascio qui i miei auguri, personalizzali con i tuoi bisogni ed i tuoi desideri. E anche con qualche sogno...
marina

tommi ha detto...

Ti dico solo che io sono andato fino a Roma per lo sciopero generale dell'università e mio padre, neo-preside ed ex professore di un istituto superiore, è stato praticamente l'unico a scioperare.
insomma, a casa nostra il problema è sentito.
in ogni caso ti faccio i miei più sentiti auguri di un ottimo 2009. intanto goditi le feste...

Artemisia ha detto...

Anch'io ti faccio tanti auguri, Erica, per un sereno 2009 alla faccia della Gelmini.